informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Bonifica ambientale: ecco quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Bonifica ambientale: ecco quello che c’è da sapere Studiare a Imperia

Bonifica ambientale? Si tratta, tra i diversi temi d’attualità legati all’ambiente, di uno dei più caldi perché lo smaltimento de rifiuti tossici è stata una pratica che per troppi anni ha riguardato la criminalità organizzata ed è ricaduta sulla salute della povera gente che, ignara, si ammalava e moriva di cancro e leucemia.

Adesso è cresciuta, per fortuna, la consapevolezza dell’importanza di gestire l’ambiente in modo etico e, di conseguenza, dell’importanza di attuare un’azione di bonifica là dove in passato è stata fatta una cattiva gestione del tutto. Non è qualcosa che si può improvvisare né che si impara in poco tempo. Ci vuole chiarezza dei concetti e conoscenza degli strumenti idonei.

Capisci da solo che chi possiede competenze sulla bonifica ambientale è qualcuno che è davvero appetito dal mercato del lavoro e che, nel suo piccolo (neanche troppo piccolo), può davvero fare bene a tutta la comunità. Vuoi saperne di più? Ottima scelta… non ti resta che continuare a leggere questa mini-guida.

Bonifica ambientale? Partiamo dalla sua definizione che stabilisce che si tratta di:

“un’operazione complessa e ben strutturata che consiste nel recupero profondo di un’area per riportarla al suo stato iniziale. Proprio per la difficoltà della bonifica ambientale, è opportuno che a occuparsene sia un’impresa altamente specializzata nel settore della gestione dei rifiuti”

E’ chiaro che operare in questo settore non è un gioco da ragazzi. Si rischia la vita e si fa rischiare all’intera comunità se non si lavora bene. La gente si ammala di cancro perché sotto terra ci sono rifiuti tossici o perché vecchi palazzi sono creati in amianto. Non resta porre rimedio a questo male moderno con la cultura.

Il master in tutela del territorio

Questo master in diritto ambientale è pensato ed erogato dall’università Niccolò Cusano che sa bene quanto importante sia strutturare i suoi studenti per stare in una precisa nicchia di mercato del lavoro. C’è domanda in tal senso? Ecco, di conseguenza, la risposta.

Le materie del master

Un iter didattico sulla bonifica ambientale comporta che tu abbia già conseguito una laurea per poi specializzarti in questa spinosa area tematica. L’unica via per riuscirci è valicare i confini di materia e puntare forte sulla multi-disciplinarietà come dimostra il piano studi che riportiamo dal sito per darti l’idea di cosa dovrai fare in questi studi:

    • Modulo I: “I principi del diritto ambientale”

La nozione di ambiente nel diritto comunitario, internazionale e costituzionale
Il codice dell’ambiente
Il danno ambientale
L’informazione e il diritto di accesso in materia ambientale

    • Modulo II: “I procedimenti amministrativi in materia ambientale”

La valutazione di impatto ambientale (VIA)
La valutazione ambientale strategica (VAS)
L’autorizzazione integrata ambientale (AIA)
Gli strumenti di pianificazione ambientale

  • Modulo III: Rifiuti

La disciplina dei rifiuti: dalle origini al Codice dell’ambiente
Le mobili frontiere della definizione di rifiuto
I modelli organizzativi del ciclo integrato dei rifiuti
La bonifica dei siti contaminati
La responsabilità per abbandono di rifiuti

  • Modulo IV: Energia

Le fonti di produzione energetica
Le energie rinnovabili
L’efficienza energetica e ambientale e gli strumenti premiali: certificati verdi e certificati bianchi 7

  • Modulo V: Tutela dell’acqua, dell’aria e del suolo

L’acqua come oggetto di tutela nazionale e sovranazionale
Il mutamento di prospettiva nella tutela delle acque: dalla visione concessoria all’esigenza di tutela ambientale
Acque superficiali e acque sotterranee
Gli strumenti di tutela delle acque: attività tecnica ed attività giuridico-amministrativa
La tutela del suolo
La lotta all’inquinamento atmosferico ed ai cambiamenti climatici
Tutela dell’aria e sviluppo economico: un difficile connubio
Struttura dei procedimenti in materia di tutela dell’aria

  • Modulo VI: Responsabilità per danno ambientale

La ricognizione sul dato normativo e i passaggi più significativi della sua evoluzione
Il risarcimento tra prevenzione, precauzione e ripristino. Il principio “chi inquina paga”: il sottile confine tra colpa e responsabilità oggettiva
La determinazione del danno all’ambiente risarcibile e la sua liquidazione

  • Modulo VII : Tutela del mare e Aree naturali protette

Il Diritto Internazionale come pilastro della tutela del mare
L’Europa come baluardo a salvaguardia delle biodiversità
Tutela delle biodiversità ed aree naturali protette
Il difficile equilibrio tra attività produttive e salvaguardia dell’ambiente marino

I numeri del master

Ora che hai capito cosa devi fare, devi capire per quanto farlo. Le ore di lezione del master in tutela del territorio sono 1500 divise nei moduli che abbiamo visto e valevoli per 60 CFU – Crediti Formativi Universitari. Non solo.

Il costo per diventare esperti di diritto ambientale è di 1.500 euro, pagabili in due rate, che scendono a 1.300 se sei parte di una di queste categorie:

  1. dipendenti della Pubblica Amministrazione;
  2. avvocati iscritti all’Ordine;
  3. laureati Unicusano.

Gli sbocchi professionali

Dove lavorare nell’ambiente in Italia? E’ importante che tu capisca che, oltre a tutti gli enti legati al Ministero dell’Ambiente (e sono molti), le sezioni di smaltimento rifiuti e bonifica ambientale delle aziende sono sempre più numerose per cui questo titolo di studio potrebbe aprirti tantissime porte.

Bonifica dei siti contaminati

Per lavorare nella bonifica ambientale è importante saperla applicare ai siti contaminati e quindi avere in testa un quadro completo sulla normativa nazionale e regionale in vigore, nonché avere in testa anche le indicazioni specifiche sulle tecniche di bonifica e sulle procedure da far adottare al proprio team.

La definizione di sito contaminato parla di:

“tutte quelle aree nelle quali, in seguito ad attività umane pregresse o in corso, è stata accertata un’alterazione delle caratteristiche qualitative delle matrici ambientali suolo, sottosuolo e acque sotterranee tale da rappresentare un rischio per la salute umana”.

Bonifica del terreno agricolo

Andando ancora di più nello specifico, la bonifica ambientale dei terreni agricoli inquinati prevede opere e processi di risanamento ambientale fra le quali le coltivazioni agricole che spesso non possono essere attuate. Perché? Perché la contaminazione dei suoli è eccessiva soprattutto nelle aree di discarica abusiva con rifiuti tossici fra cui metalli pesanti e amianto.

La soluzione si chiama tecnica di coltivazione fuorisuolo che, non interessando il terreno inquinato, consente l’attività agricola laddove sarebbe impossibile.

*** Nel prepararti all’argomento della bonifica ambientale, di certo, ti sarà utile scoprire meglio e in modo più netto come si fanno le mappe concettuali ***

Ora sai quanto conti avere la padronanza dei contenuti e quanti sia importante, da mittente, considerare il destinatario con i suoi campi di lettura, gli strumenti di codifica e le sue reali esigenze di vita (che facilmente non coinciderebbero con le tue esigenze di vendita).

Lettere commerciali? Non sono che uno dei tanti strumenti che devi acquisire durante i tuoi studi e leggendo con costanza le info che diamo negli articoli che pubblichiamo sul blog accademico di Imperia. Convinto? No? E allora chiedici quello che vuoi sapere attraverso il form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali