informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si scrive un report: linee guida e consigli utili

Commenti disabilitati su Come si scrive un report: linee guida e consigli utili Studiare a Imperia

Come si scrive un report? Fate bene a chiedervelo perché tra le competenze più richieste dalle aziende c’è proprio la capacità di redarre un documento aziendale che serva per molteplici usi. Ci si deve presentare ai clienti o ai competitor, si deve mostrare un prodotto o spiegare un servizio. A prescindere dagli scopi finali, saper trarre le proprie conclusioni significa potresti muovere in autonomia su molti fronti e, soprattutto, significa poter fare strategie di mercato efficaci grazie alla solida base di dati che comprovino una strada piuttosto che un’altra. Una mini-guida forse non potrà essere esaustiva ma almeno potrà darvi tutti gli spunti necessari per arrivare ad avere le basi su cui approfondire le tecniche. Ne volete sapere altro? Non vi resta che leggere. Buona avventura.

Come si scrive un report? Molte sono le cose da sapere su questo tema. Entriamoci con calma ed in modo schematico.

  • Stabilite il concetto chiave
    Perché non ha senso essere vaghi e generici nella stesura di un documento aziendale e perché ogni singola analisi di mercato che si rispetti deve passare da un preciso indirizzo di volontà. Cosa volete dimostrare? Datevi una risposta e poi non la dimenticate mai più nel corso di tutto il lavoro.
  • Specificate le incognite
    Non si può controllare tutto e nessuno lo pretende da voi. La pretesa, però, è che siate chiari in merito. Stabilite subito i confini della vostra analisi e mettevi chiaramente in condizione di non farvi criticare per possibili defaillance.
  • Usate uno stili coerente
    Un errore gravissimo sarebbe non avere chiaro il tone of voice. Può essere di qualsiasi tipo (formale, in caso di aziende) ma l’importante è non mutarlo in corso d’opera perché dareste al lettore un senso di sciatteria e di totale mancanza di professionalità.
  • Esponete la fattibilità delle idee
    Se il vostro report punta a costruire ipotesi di lavoro, ricordatevi sempre di corroborarle con possibilità concrete. Si può fare? In quali tempi? Con quali costi? Come? Solo così sarete presi sul serio e non farete perdere tempo a chi vi legge ma anche a voi.
  • Appoggiatevi ad uno studi0 se presente
    I numeri non mentono, specialmente se sono creati da professionisti credibili del vostro settore. Cercate studi esistenti sulla materia che state relazionando e, se seri, citateli a dovere facendovi trasferire così da loro una solidità che vi sarà utile.
  • Date peso al monitoraggio
    Perché viviamo in un’epoca di socializzazione e di interazione dove il tiro va aggiustato costantemente. State sempre coi fari accesi sul pubblico che vi legge e sui suoi cambiamenti in modo che possiate coglierli per tempo e settare la vostra offerta aziendale di conseguenza.

Come si scrive una relazione

Una parte importante su come si scrive un report ce l’ha la stesura di una relazione. Ci sono infiniti trucchi per crearla ma il punto più importante è che dovete sempre tenere in mente chi vi sta leggendo. Considerate il suo livello culturale, il suo pacchetto di nozioni, la sua capacità di espressione e, soprattutto, cosa si aspetta dal vostro documento. Si tratta di una traccia guida seria nel cui solco dovrete andare e camminare in avanti.

L’importanza della premessa di una relazione sta tutta nel fatto che tutti noi andiamo di fretta per cui è basilare (ed apprezzato) capire che cosa volete dire in fretta e senza far perdere troppo tempo. Poi potrete analizzare e snocciolare a fondo il tema ma prima dovete mettere chi legge in condizione di “liquidarvi” anche in un paio di minuti.

Come fare una relazione

Premesso che saper scrivere report aiuta a farsi apprezzare dalle aziende e, quindi, nel mondo del mercato, è bene darvi altri rapidi consigli sul come farlo al meglio:

  • cercate fonti autorevoli;
  • scrivete il testo della relazione seguendo una struttura precisa;
  • usate i grafici e le tabelle;
  • inserite fotografie e immagini;
  • formattate il testo della relazione;
  • scegliete un titolo efficace;
  • rileggete con cura il documento.

Usare gli abstract, infine, come anticipato, è basilare. Se la vostra relazione è lunga, dovete avere l’accortezza di dividerla in capitoli. Proprio in questo caso, è consigliabile l’uso degli abstract. Cos’è? Si tratta di “un testo breve, di cento o duecento parole al massimo, che viene messo all’inizio di ogni capitolo e che spiega al lettore che cosa troverà in quella parte della relazione”. Utile, no? Utile e molto amato dai lettori pigri.

Come si scrive un report ora lo sapete fare. In teoria. E’ la pratica che vi manca e che manca a tanti ragazzi universitari italiani. Colmate questo gap esercitandovi ogni giorno e, magari, integrando quello che già sapete con le molte informazioni che passano tra le righe degli articoli del nostro blog accademico di Imperia. Non solo. Completate il “compitino” chiedendo tutto (ma proprio tutto) quello che volete sapere attraverso il nostro form informativo. Scommettiamo che vi rispondiamo prima che possiate immaginarvelo?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali