informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Funzioni dello Stato: ecco quali sono e quali dovete conoscere

Commenti disabilitati su Funzioni dello Stato: ecco quali sono e quali dovete conoscere Studiare a Imperia

Funzioni dello Stato? E’ bene conoscerle perché entrano in gioco nella nostra vita in tanti modi. La conoscenza di come funziona il nostro paese, infatti, non è solo il “minimo sindacale” per un qualsiasi cittadino moderno che sa bene quanto conti essere informato per far valere i propri diritti. Esistono delle professioni in cui questi meccanismi andrebbero conosciuti alla noia. Usiamo il condizionale perché l’attuale livello è basso e molti professionisti hanno lacune in tal senso ma nel futuro più immediato, quello in cui entrerete in un mercato del lavoro europeo competitivo, dovrete per forza alzare l’asticella della qualità se sperate di far colpo su un’azienda o ovunque vogliate entrare. Ecco una mini-guida sul tema e su come una certa formazione possa farvi bene. Buona lettura.

Funzioni dello Stato. Quali sono? In quale ordine di potere? Chi sono in questo precipuo momento storico? Non provate a giustificare una vostra eventuale lacuna dicendo che non vi occupate di politica. Questo è il paese in cui vivete e questi sono solo i meccanismi chiave che lo fanno girare. Sarebbe come ignorare cosa sia il cuore nel corpo umano dicendo che non siete interessati alla medicina! 

Ecco perché dovete puntellare questi concetti e lo dovete fare per bene.

Innanzitutto partiamo dal concetto di divisione dei poteri ideato da Montesquieu e cioè dal concetto che in una democrazia nessuna persona o organo può e deve avere in mano più di una competenza. Lo stato moderno italiano è diviso in tre parti in tal senso:

  • Parlamento, che esercita la funzione legislativa e cioè di fare leggi;
  • Governo, che esercita la funziona esecutiva e cioè mette in pratica l’esercizio di vita di un paese;
  • Magistratura, che esercita la funzione giurisdizionale e cioè controlla che le leggi siano applicate nel modo corretto.

Ogni intromissione è sbagliata e lo dimostra la polemica (giusta o sbagliata che sia) sulla politicizzazione delle toghe e cioè sul fatto che alcune sentenze dei giudici siano state strumentalizzate dai partiti per fare politica.

E’ bene che abbiate chiaro questo trittico ma anche che esistono diverse eccezioni. Per esempio il Governo può legiferare attraverso Decreti Legge o Decreti Legislativi e la Magistratura ha una sezione “speciale” che non ricade sotto il fondamentale controllo del Csm (Consiglio Superiore della Magistratura).

Che vogliate diventare un giornalista, fare il politico o lavorare nella legge, è importantissimo che vi sia chiaro questo schema e che impariate ad entrarci dentro nelle sue sfumature per muovervi con professionalità.

Ecco perché master come quello in “Giornalismo 3.0” dell’università degli studi Niccolò Cusano sono importanti. Hanno un approccio formativo che questo aspetto lo curano alla noia.

I poteri dello Stato

Nell’ottica di mettere a fuoco le funzioni dello Stato è bene capire anche chi si muove al loro interno. Come? Già sapendo con precisione quali sono le 5 cariche dello Stato più importanti che mettiamo in questa lista informativa:

  • il Presidente della Repubblica;
  • il Presidente del Senato;
  • il Presidente della Camera;
  • il Presidente del Consiglio dei Ministri;
  • il Presidente della Corte Costituzionale

E’ chiaro poi che la Costituzione in Italia abbia un’importanza unica perché è il fondamento della nostra democrazia.

E’ là che si stabilisce come debbano funzionare gli organi costituzionali (che sono il Parlamento, il Governo, il Presidente della Repubblica, la Magistratura e la Corte Costituzionale) e gli organi di rilevanza costituzionale (che sono il Consiglio di Stato, il Consiglio Supremo di Difesa, la Corte dei Conti, il Cnel e il Consiglio Superiore della Magistratura).

Che cos’è lo Stato

Secondo i giuristi la definizione di Stato è la seguente: “un ente territoriale sovrano i cui elementi costitutivi sono: popolo, territorio e governo”. Qua urge la distinzione tra popolo, che è chi vive su quel territorio ed ha lo status di cittadinanza, e popolazione, che è chi vive sul territorio e basta (pensate ai clandestini e non solo).

E’ chiaro che lo Stato siamo noi perché tutto l’apparato funziona per noi e per i nostri interessi. Ecco una ragione buona per continuare a lavorare sul percorso di snellimento della burocrazia che annebbiava lo scopo principale di tutto quanto.

Ora che avete chiare le funzioni dello Stato e il fatto che debbano essere assolutamente separate tra loro, vi ricordiamo quello che vi abbiamo detto in apertura. Dovete conoscere quello che vi circonda, il vostro paese, perché di base un professionista, in un mercato del lavoro così competitivo, si riconosce dai dettagli.

Un giornalista che ignori la differenza tra governo e parlamento quanto è credibile? Poi, sempre seguendo il filo logico di questo ragionamento, dovete assolutamente approfondire cosa c’è intorno al vostro percorso di studi. Come? In generale col web ma, più nello specifico, leggendo, tra le righe, tutte le informazioni che trovate negli articoli del nostro blog accademico di Imperia. Il senso del nostro form informativo, poi, è lo stesso.

Vi aspettiamo coi vostri dubbi pronti ad evaderli.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali