informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Politica fiscale restrittiva: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Politica fiscale restrittiva: definizione e caratteristiche Studiare a Imperia

Politica fiscale restrittiva? Tra le principali materie di macro-economia questa è piuttosto densa. Va a toccare l’interesse della collettività che, da sempre, si confronta con le tasse che possono, a seconda del livello in cui sono impostate, aiutare o strozzare lo sviluppo economico di molte realtà e di molti privati.

Comprendere lo scopo della politica fiscale restrittiva che persiste in Italia ti offre l’opportunità di muoverti bene nel mondo finanziario e ti trasforma in un cittadino più consapevole, capace di votare con la certezza di sapere le mosse che si stanno concludendo sulle nostre teste.

Tutto parte dalla definizione di Reddito Nazionale Lordo, o RNL, che è “tutto ciò che è prima prodotto e poi venduto nell’economia di un paese. Tale reddito deve essere distribuito tra i vari fattori che hanno concorso alla produzione dei beni e servizi prodotti e venduti”. Ora entriamo nel vivo del tema. Buona lettura.

Politica fiscale restrittiva? Si tratta di una “diminuzione degli interventi pubblici a sostegno della domanda aggregata, che è l’insieme della spesa di consumi e investimenti operati da famiglie, imprese e settore pubblico”. Il suo scopo è “contenere la crescita eccessiva della domanda e dell’inflazione dei prezzi” o, come sta accadendo in questi anni, come mossa di austerity, per diminuire il disavanzo del bilancio pubblico.

Chi decide la politica fiscale restrittiva

Quali sono i soggetti che hanno peso in questa precisa azione sul paese? Sono 4 e sono i seguenti:

  • Governo, attraverso la legge finanziaria o di stabilità e la legge di bilancio;
  • Parlamento, attraverso l’approvazione o meno delle suddette leggi;
  • Ministero dell’Economia, attraverso la decisioni di quali misure fiscali adottare;
  • altri enti pubblici, come ad esempio regioni, comuni e province.

Quali scopi ha la politica fiscale restrittiva

Perché questi 4 soggetti operano in modo concertato su questi binari. Queste sono le (alte) ragioni.

Ridurre il deficit

Allo scopo di avvicinarsi al pareggio di bilancio si devono operare forti tagli della spesa pubblica (detti “spending review”) e/o aumenti di tasse e imposte. Si tratta della famosa austerity imposta dall’UE all’Italia e non solo all’Italia.

Sostenere una crescita economica sostenuta

Il ragionamento è quasi lapalissiano. Se c’è crescita economica, cresce il PIL (prodotto interno lordo). Di conseguenza cresce anche il denominatore del rapporto debito/PIL. Qualora il PIL cresca più del debito, e quindi il denominatore cresca più del numeratore, il rapporto debito/PIL va giù.

Fare una politica monetaria espansiva

Perché è un ottimo modo per ridurre i tassi sui titoli di stato e quindi il deficit di bilancio costa meno. Non solo. Una simile azione consente anche ai consumi di aumentare e agli investimenti privati di crescere, dando modo di crescere al PIL e al RNL, ad effetto domino.

Convertire il debito

La definizione di conversione del debito vuol dire “sostituire titoli di debito pubblico con un certo tasso d’interesse con titoli che hanno un tasso di rendimento minore”. Di base, si tratta di trasformare titoli con una scadenza a breve termine in titoli con una scadenza a più lungo termine.

Tanta roba dietro questa politica fiscale restrittiva. Tanta roba che potresti studiare attraverso i master di area economica dell’università Niccolò Cusano.

Spulciati l’offerta in tal senso, perché è sempre aggiornato con nuovi corsi post laurea specialistici e perché si tratta di un investimento intelligente sul tuo futuro nel mondo del lavoro.

Un esempio?  Il master di primo livello in “Political Marketing” le cui materie ti faranno capire la cura con cui vengono creati ed erogati questi corsi e che si possono sintetizzare in questo specchietto informativo qua:

  • Il sistema politico e i mass media;
  • Il marketing politico-elettorale;
  • La comunicazione nella campagna elettorale;
  • Web e Social media per la politica;
  • Gestione della campagna elettorale;
  • Organizzazione di eventi;
  • Ufficio stampa politico e/o istituzionale;
  • Tecniche di public speaking;
  • Conferenza stampa;
  • Tecniche di fundraising.

Economia chiusa

Tutto questo discorso sulla politica fiscale restrittiva, si collega al concetto di economia chiusa che è un “sistema economico in cui non si effettuano scambi commerciali con altri paesi”.

Va detto che, nel mondo reale lontano dai libri, non ci sono economie che sono completamente chiuse. Si tratta solo di un concetto base di economia pubblica che si contrappone a quello di economia aperta e che si usa per studiare le variazioni di alcune grandezze economiche non tenendo conto dell’influenza di fattori esterni.

*** Visto che in qualche modo si parla di produttività di un paese, forse, tornando allo specifico della tua realtà, ti interessa anche questo articolo su come essere produttivi negli studi ***

 

Non pretendiamo che tu possa capire in toto il funzionamento della politica fiscale restrittiva da un solo articolo ma questa è una buona partenza.

Poi starà a te approfondire coi giusti corsi di laurea ma anche prendendo tutte le informazioni che ti servono leggendo i nostri articoli che pubblichiamo sul blog accademico di Imperia oppure utilizzando il form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali