informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa sono gli stili di apprendimento e perché è importante conoscerli

Commenti disabilitati su Cosa sono gli stili di apprendimento e perché è importante conoscerli Studiare a Imperia

Per stili di apprendimento si intendono le modalità personali con cui ogni singolo studente comprende, elabora e fa proprie le informazioni. Ogni persona ha cioè il proprio approccio personale allo studio o più semplicemente all’apprendimento di un concetto o di una materia nuova. Questo significa, per esempio, che in una classe ci sono tanti stili di apprendimento quanti sono gli studenti.

Per poter promuovere dunque un insegnamento efficace, il docente dovrebbe adottare una prassi didattica capace di andare incontro a tutti i suoi studenti. È naturale che l’insegnante tenda a privilegiare la modalità didattica più congeniale al suo stesso stile di apprendimento, ma questa non è sempre la scelta più efficace.

Per capire cosa sono gli stili di apprendimento e come utilizzarli in qualità di insegnante, di pedagogista, di operatore didattico o di studente leggi l’approfondimento qui sotto dell’Università Unicusano di Imperia.

Come si apprende: guida allo stile di apprendimento personale

Gli individui apprendono in maniera diversa ed elaborano in maniera diversa le informazioni. Se ci pensi, ognuno ha persino delle preferenze spaziali e temporali differenti che caratterizzano la sua modalità di studio. C’è chi preferisce studiare di sera in solitudine e in un ambiente silenzioso e chi preferisce condividere lo studio con i propri compagni e sceglie il pomeriggio presto come momento migliore.

A determinare le differenze sono anche i canali sensoriali che vengono stimolati dall’insegnante. Oggi, l’apprendimento passa per quattro canali principali che definiscono altrettanti stili di insegnamento:

  • canale verbale e visivo: è il più utilizzato nel contesto scolastico e prevede che l’apprendimento passi essenzialmente attraverso la lettura e la scrittura.
  • canale iconografico: è la base del cosiddetto visual learning in cui si prediligono immagini, disegni, fotografie, grafici, diagrammi e mappe concettuali
  • canale uditivo:  è quello che predilige l’ascolto, con il coinvolgimento diretto dello studente che partecipa a lavori di gruppo e a discussioni collettive
  • canale cinestetico: è quello che punta sulle attività pratiche secondo il principio si impara facendo

Ognuno di questi canali ha la sua strategia/e di apprendimento. Se si attiva il canale verbale e visivo, per esempio, lo studente tenderà a prendere appunti, a riassumere per iscritto  i concetti principali e a prendere nota delle istruzioni per fare i compiti. Se si attiva quello iconografico, verranno favorite strategie come la sottolineatura con colori diversi per evidenziare le parole chiave del testo o l’utilizzo di mappe multimediali per diversificare i contenuti a livello gerarchico. 

Non è finita qui. Gli stili di apprendimento presuppongono anche degli stili cognitivi, definizione con cui si indica la modalità con cui lo studente elabora l’informazione.

Gli stili cognitivi riguardano cioè il modo in cui una persona assimila un’informazione (enfatizza i dettagli, vede l’insieme eccetera), le procedure razionali che mette in atto per capire i nuovi concetti (procede per associazioni di idee o in maniera sistematica) e la modalità di memorizzazione e organizzazione dello studio che adotta (ripete ad alta voce, elabora degli schemi, fissa i nuclei più significativi di un dato argomento). Gli stili cognitivi vanno cioè da quello analitico a quello intuitivo, da quello sistematico a quello riflessivo.

Conoscere gli stili di apprendimento per aiutare gli studenti

Il ruolo degli insegnanti e dei pedagogisti è molto cambiato. Oggi, il docente non è solo colui che tramanda il sapere, ma è colui che favorisce, stimola e accompagna il percorso di scoperta e di apprendimento del sapere. A lui spetta individuare il canale o i canali giusti e adottare lo stile di insegnamento più efficace per fare in modo che i suoi studenti mettano in atto il proprio stile di apprendimento con le relative strategie.

Capire cosa sono gli stili di apprendimento consente agli insegnanti di partecipare attivamente ai cambiamenti della scuola moderna, dove sono sempre più frequenti i progetti per arginare la dispersione scolastica e per migliorare l’efficacia della didattica.

Il modello verbale e visivo basato su scrittura e lettura, per esempio, non è adatto ai bambini e ai ragazzi dislessici e a quelli vittime di un disturbo di apprendimento. Ecco perché le scuole sono alla ricerca di professionisti in grado di capire queste nuove esigenze.

Oggi, sono sempre più richiesti gli interventi attuati da professionisti esterni all’istituzione scolastica e volti a risolvere queste problematiche e a fornire consulenze per supportare studenti, insegnanti e genitori creando dei percorsi psico-educativo specifici. 

Per capire meglio come usare gli stili di apprendimento per diventare un professionista abilitato a lavorare nel contesto scolastico attuale puoi seguire il Master di II Livello in Psicologia Scolastica dell’Università Unicusano.

Il master fornisce una serie di competenze per l’analisi dei contesti scolastici e per la comprensione degli interventi psicologici da attuare. Non solo, ti permette di acquisire le conoscenze per aumentare l’efficacia della didattica e per stabilire misure di sostegno in favore della relazione scuola-famiglia. Infine, fornisce gli strumenti per permetterti di rispondere ai bisogni degli studenti vittime dei disturbi di apprendimento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali