informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Contratto CCNL: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Contratto CCNL: definizione e caratteristiche Studiare a Imperia

Hai bisogno di approfondire il tema del contratto CCNL e sei alla ricerca di dettagli e spiegazioni? Ti forniamo noi una guida completa al Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, in modo da arrivare perfettamente preparato ai prossimi esami universitari.

Partiamo dalla semplice definizione di CCNL, sigla con cui si indica il contratto stipulato a livello nazionale tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le associazioni che rappresentano i datori di lavoro. 

Il contratto CCNL riguarda sia il settore privato che quello pubblico. In quest’ultimo caso, però, è sottoscritto tra le rappresentanze sindacali e l’ARAN, Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. 

Questa formula contrattuale fu introdotta per la prima volta durante il ventennio fascista (1927), in concomitanza con la promulgazione della Carta del Lavoro. In realtà, però, il CCNL ha acquisito pieno valore giuridico a partire dal 1941.

CCNL: che cos’è il lavoro subordinato

Il CCNL serve per regolamentare le condizioni del lavoro dipendente. È  cioè lo strumento a cui si attengono i datori di lavoro al momento dell’assunzione di una nuova figura, all’interno della propria impresa. In parole povere serve a fissare le condizioni di lavoro subordinato.

Ma cos’è esattamente il lavoro subordinato? L’articolo 294 del Codice Civile lo definisce in questi termini: obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro, intellettuale o manuale, alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore. 

Il lavoro subordinato si può definire come un rapporto in cui il soggetto (lavoratore dipendente) svolge un’attività, regolamentata tramite un contratto, nell’interesse di un altro soggetto (il datore di lavoro), rispetto al quale si pone in una posizione subordinata in cambio di una retribuzione

Questo tipo di rapporto lavorativo prevede due diversi tipi di contratti, che presuppongono due livelli gerarchi diversi. I contratti di primo livello sono quelli interconfederali e nazionali, mentre quelli di secondo livello includono tutti gli accordi decentrati e aziendali, siglati dalle associazioni sindacali periferiche. 

Il CCNL ha forza di legge tra le parti e il datore di lavoro iscritto al sindacato ha l’obbligo di applicazione. Se l’imprenditore/datore di lavoro non ha aderito ad alcun sindacato, può scegliere se applicare o meno il contratto nazionale. Nel caso in cui decida di non applicarlo, deve comunque fare riferimento alle leggi poste a garanzie dei diritti dei lavoratori. 

Contratto CCNL: il contenuto 

I CCNL sono redatti in forma scritta e contengono quattro parti: 

  • normativa
  • obbligatoria
  • gestionale
  • di rinvio

La parte normativa include le norme sul trattamento economico, vale a dire minimi retributivi, anzianità, indennità, malattia, infortunio, durata del periodo di prova e disciplina del lavoro in materia di straordinari, festivi e notturni.

La parte obbligatoria, invece, include le norme che disciplinano gli scioperi, le tregue sindacali e le modalità di contrattazione tra sindacati e organizzazioni imprenditoriali.

La terza parte, quella gestionale, contiene i provvedimenti relativi alla gestione del personale, dagli orari alla regolamentazione di situazioni che prevedono trasferimenti, licenziamenti collettivi, ristrutturazioni e mutamenti degli assetti societari. 

Infine, la parte di rinvio contiene le regole che riguardano la contrattazione a un livello inferiore rispetto a quella collettiva. 

Il CCNL dura 3 anni per la parte normativa e 3 anni per quella retributiva. Le tabelle retributive per il lavoro dipendente tengono conto dell’inflazione programmata. Quest’ultimo aspetto è fondamentale in quanto impedisce la perdita di potere d’acquisto del salario dei lavoratori.

La procedura di rinnovo si attiva a partire da tre mesi prima della scadenza. In questo lasso di tempo, le parti coinvolte non possono intraprendere lotte sindacali. Nel caso in cui, il contratto dovesse scadere senza accordo tra i lavoratori, viene erogata l’indennità di vacanza contrattuale (I.V.C.). Si tratta di un importo aggiuntivo, corrisposto per preservare la retribuzione dagli effetti dell’inflazione. 

Tipologie di contratti

La contrattazione collettiva si può svolgere a più livelli. Esiste cioè la contrattazione :

  • interconfederale
  • nazionale e di categoria
  • territoriale interconfederale e di categoria
  • aziendale di categoria.

Il CCNL appartiene al secondo tipo di contrattazione. La prima, invece, ha il compito di definire le regole generali riguardanti l’insieme dei lavoratori, indipendentemente dalla categoria di appartenenza. 

Le contrattazioni collettive indicate nel terzo e nel quarto punto dell’elenco determinano la definizione dei cosiddetti Contratti Aziendali e Territoriali o Contratti di Prossimità. Con questi contratti i datori di lavoro possono derogare dalle norme fissate dal contratto CCNL. Per farlo, però, devono raggiungere un’intesa con i lavoratori interessati e stipulare un accordo scritto con la propria associazione e con l’associazione sindacale che rappresenta la maggioranza dei lavoratori.

La durata di questi Contratti di Prossimità non è fissata dalla legge, ma è il frutto di un accordo tra le parti coinvolte. Se dovessero sorgere delle controversie, verranno affrontate in sede di conciliazione tra le organizzazioni stipulanti il contratto. In caso di mancata soluzione della controversia, le parti devono presentarsi davanti a un collegio arbitrale.

CCNL: i settori

Ogni settore ha il suo Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, che include anche alcuni provvedimenti riguardanti i microsettori di categoria. In particolare, viene regolamentato il lavoro dipendente di: 

  • agricoltura
  • alimentaristi – agroindustriale
  • commercio
  • chimici
  • edilizia
  • metalmeccanici
  • turismo
  • trasporti

Se ti interessa consultare il contratto CCNL di una categoria in particolare, accedi al sito ufficiale del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) e dai un’occhiata all’archivio elettronico. Potrai trovare i contratti di categorie come i metalmeccanici (rinnovato il 19 luglio del 2017), gli ortofrutticoli (rinnovato il 27 giugno del 2017), il FederTerziario (rinnovato il 31 maggio del 2017) e non solo. 

Diritti e doveri del lavoratore dipendente

Il Contratto CCNL stabilisce che possono essere introdotti dei cambiamenti nel rapporto di lavoro, con dei limiti di intangibilità. Non si possono cioè modificare le tabelle retributive con esito peggiorativo e non si possono toccare i diritti acquisti. La contrattazione collettiva cioè non può prevedere una decurtazione retributiva oppure cancellare un diritto acquisito e maturato dal lavoratore dipendente.

Per diritti e doveri si intendono quelli legati, per esempio, alla durata dell’orario di lavoro, fissato a 40 ore settimanali. In realtà, alcuni contratti possono prevedere anche una durata inferiore pari a 38 ore settimanali.

La durata minima giornaliera non è fissata. È stato stabilito, però, il riposo giornaliero pari a 11 ore consecutive ogni 24 ore. Questo significa che non si possono superare le 13 ore di lavoro al giorno. Il CCNL stabilisce, inoltre, che il lavoro settimanale non può superare le 48 ore, incluso lo straordinario. Qui di seguito, alcune altre norme: 

  • riposo settimanale: il lavoratore ha diritto ad almeno 24 ore di riposto consecutivo ogni 7 giorni e a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore alle 4 settimane
  • congedo matrimoniale: in occasione del matrimonio, i lavoratori hanno diritto a un periodo di congedo retribuito pari a 15 giorni
  • malattie e infortuni sul lavoro: in caso di malattia o di infortunio, il lavoratore dipendente ha il diritto alla conservazione del posto. Il tempo di conservazione viene stabilito dal CCNL e definito periodo di comporto

In riferimento al Contratto CCNL si parla anche di uso aziendale, denominazione con cui si fa riferimento a un comportamento spontaneo e reiterato del datore di lavoro nei confronti dei dipendenti. Questo comportamento non è regolamentato, in quanto prevede un trattamento di maggior favore rispetto a quello previsto dal contratto. In particolare, ci si riferisce alla concessione di gratifiche, premi, indennità e versamenti previdenziali non obbligatori.

Ora che sai tutto sul CCNL, non ti rimane che affrontare i tuoi esami!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali