informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono le domande di diritto costituzionale più frequenti?

Commenti disabilitati su Quali sono le domande di diritto costituzionale più frequenti? Studiare a Imperia

Le domande di diritto costituzionale vertono sull’organizzazione dello Stato Italiano. Se affronti per la prima volta questo esame o lo hai già fatto in passato con risultati negativi, ti può essere d’aiuto conoscere in anticipo il tipo di quesiti che vengono posti più spesso. 

In questo modo riesci a farti uno schema di studio più mirato e ad approfondire gli argomenti che costituiscono i punti saldi degli esami. Dovrai comunque studiare per bene i testi e la Costituzione italiana, ma avrai comunque una traccia a disposizione che semplificherà il tuo approccio alla preparazione dell’esame. Qui sotto, trovi la nostra guida con le domande di diritto costituzione e le indicazioni per superare gli esami. 

Esame diritto costituzionale: quali sono le materie di studio

Il diritto costituzionale verte sull’analisi dell’organizzazione dello Stato e dei suoi poteri, intesi come legislativo, esecutivo e giudiziario.
Questo significa che l’esame potrebbe prevedere domande come: 

  • Quali sono gli elementi costitutivi dello Stato?
  • Cosa si intende per ordinamento giuridico?
  • Cosa si intende per forme di governo?
  • Cosa si intende per forme di Stato?
  • Quali sono le fondamentali concezioni dello Stato?
  • Cosa indica il termine cittadinanza?
  • Quali sono gli istituti di democrazia diretta previsti dal nostro ordinamento?
  • Quali sono le differenze tra sistemi elettorali maggioritari e sistemi elettorali proporzionali?
  • Quali referendum prevede il nostro ordinamento e quali sono le fonti che li disciplinano?
  • Quali sono le differenze tra mozione di fiducia e questione di fiducia?
  • In cosa consistono le differenze tra Regioni a statuto ordinario e Regioni a statuto speciale?

Durante la preparazione dovrai porre particolare attenzione anche agli argomenti riguardanti la Corte Costituzionale. È sempre bene approfondire la sua formazione, il suo operato e la sua posizione all’interno dell’ordinamento giuridico italiano. 

Le domande di diritto costituzionale più frequenti riguardanti la Corte Costituzionale sono le seguenti:

  • Quali tipi di decisioni sono emesse dalla Corte Costituzionale?
  • Quali sono gli effetti delle sentenze della Corte Costituzionale?
  • Qual è la composizione della Corte Costituzionale?
  • Il Presidente della Corte Costituzionale è rieleggibile?
  • Quando la Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità costituzionale di una norma di legge o di un atto avente forza di legge?
  • Quali sono le funzioni proprie della Corte Costituzionale?

Di solito, le domande di diritto costituzionale vertono su nozioni importanti che riguardano le libertà fondamentali dell’individuo sancite dalla nostra costituzione e le autonomie territoriali, con particolare attenzione a quelle regionali. 

Tra le domande, per esempio, ci potrebbe essere quella riguardante i diritti sociali, categoria che include il diritto al lavoro, alla salute, all’istruzione, all’assistenza e alla previdenza sociale e così via. 

Lo studio della Costituzione

Non si può superare l’esame di diritto costituzionale senza aver studiato la nostra Costituzione Repubblicana. 

L’esame prevede l’analisi, in genere, dei primi 54 articoli della carta costituzionale. Potresti trovare domande di diritto costituzione come le seguenti: 

  • Articolo 2 – i diritti inviolabili: la risposta dovrà fare riferimento a diritti come quello alla difesa e al voto, ma anche la libertà di domicilio, di comunicazione, di associazione e di pensiero.
  • Articolo 3 e il principio di eguaglianza: dovrai tracciare le differenze tra eguaglianza formale e sostanziale.
  • Articolo 13 e la libertà personale, intesa come disponibilità fisica della propria persona che deve essere libera da qualsiasi forma di invadenza o coercizione fisica e morale a opera di terze parti.
  • Articolo 21 sulla libertà di stampa: articolo che sancisce il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero in forma sia orale che scritta. Secondo questa norma costituzionale, la stampa non può essere soggetta a autorizzazioni o censure. È possibile, per esempio, procedere a un sequestro solo in caso di indicazione dell’autorità giudiziaria e in presenza di delitti.
  • Articolo 25 sulle misure di sicurezza personali e patrimoniali e il principio di legalità

Questo è solo un piccolo esempio degli articoli su cui dovrai concentrarti per preparare l’esame di diritto costituzionale. 

Per poter arrivare preparati non basta studiare la costituzione. Bisogna approfondire i vari argomenti sugli appositi manuali. Attualmente, i testi più usati da studenti e professori sono quelli di Gaetano Silvestri, Federico De Giudice, Temistocle Martines, Bin-Petruzella e Floriana Lisena.

Online, trovi anche molti test a risposta multipla che possono aiutarti nella preparazione. Compili i test, verifichi l’esattezza delle tue risposte e cerchi di capire in quale argomento ti senti più zoppicante. In questo modo riesci a organizzare meglio lo studio e a ottenere i risultati che desideri. 

Domande dell’esame di diritto costituzione: macro argomenti

Elencare tutte le domande precise dell’esame è impossibile. Nel corso del tempo, però, sono state circoscritte delle aree tematiche oggetto dell’attenzione dei professori durante gli esami. Esistono cioè degli argomenti ricorrenti su cui è meglio prepararsi come si deve: 

  • antinomie e criteri di soluzione delle antinomie
  • differenze tra disposizioni e norme
  • differenze tra abrogazione e annullamento
  • sentenze manipolative e sentenze additive
  • differenze tra legge costituzionale e legge di revisione costituzionale
  • legge di delega e decreti legislativi
  • riserve di legge assolute e relative
  • riserve di legge rinforzate per contenuto
  • deleghe bifasiche
  • sentenze abrogative
  • referendum manipolativi
  • delegificazione
  • convenzioni costituzionali
  • consuetudini costituzionali
  • norme transitorie
  • giurisprudenza costituzionale
  • norme transitorie
  • come si impugna l’ordine di esecuzione
  • leggi di interpretazione autentica
  • legge delega
  • sindacato di legittimità costituzionale
  • doveri del cittadino
  • differenza tra l’ordinamento italiano e quello dell’Unione Europea
  • democrazia diretta
  • status del parlamentare

Quali sono gli articoli da conoscere assolutamente

Fermo restando che la conoscenza dei primi 54 articoli della Costituzione italiana è fondamentale per superare l’esame di diritto costituzionale, ci sono una serie di articoli più richiesti rispetto ad altri.

Spesso cioè le domande di diritto costituzionale vertono su articoli come il numero 832, riguardante il diritto di proprietà sugli oggetti in maniera esclusiva, oppure l’articolo 833. Quest’ultimo, per esempio, riguarda il divieto di arrecare danni ad altre persone di tipo fisico, morale o materiale. 

Frequenti i quesiti anche sull’articolo 922, che si riferisce al concetto di acquisto di proprietà. Nella definizione di proprietà va inteso qualsiasi immobile o oggetto acquisito per occupazione, eredità o contratto.

Qui di seguito un piccolo elenco degli altri articoli oggetto spesso di quesiti in sede d’esame:

  • Articolo 117 – indica gli organi a cui spetta la potestà legislativa (Stato e Regioni). L’articolo specifica nel dettaglio le materie di competenza esclusiva dello Stato, le materie di competenza sia dello Stato che delle Regioni e le materie di piena potestà legislativa delle Regioni.
  • Articolo 2043 – danno colposo alle persone
  • Articolo 1803 – concetto di comodato d’uso e sua regolamentazione
  • Articolo 1470 – acquisto materiale di un bene mobile o immobile, con relativa spiegazione del concetto di vendita
  • Articolo 1321 – concetto di contratto inteso come accordo stipulato tra due parti che istituiscono tra loro un rapporto giuridico relativo a una determinata proprietà
  • Articolo 1965 – norme per la risoluzione dei contrasti fra due parti

Ora che conosci le domande e gli argomenti dell’esame di diritto costituzionale, potresti elaborare un piano di studio stabilendo cosa affrontare quotidianamente. In questo modo, suddividi la preparazione in più blocchi e aumenti la concentrazione in vista della prova. 

Puoi anche schematizzare le informazioni più importanti, in modo da fissare i punti salienti e non affidarti troppo a una preparazione mnemonica. Con il diritto costituzionale, infatti, è fondamentale la comprensione degli argomenti studiati. 

È sempre bene anche seguire le vicende dell’attualità politica del nostro paese. Se conosci bene cosa accade in Italia, puoi anche fare collegamenti e approfondimenti durante l’esame, che saranno sicuramente molto apprezzati dai docenti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali