informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 10 frasi pronunciate più spesso dagli studenti di ingegneria

Commenti disabilitati su Le 10 frasi pronunciate più spesso dagli studenti di ingegneria Studiare a Imperia

Ti lamenti delle stesse cose dei tuoi colleghi universitari? Scopri le frasi da studente di ingegneria più comuni, quelle che ogni studente ha detto almeno una volta nel corso della laurea triennale o della laurea magistrale. Ti sentirai sicuramente meno solo, perché in fondo tutti gli studenti si assomigliano e si lamentano o gioiscono per cose come esami troppo pesanti o voti più alti di quelli attesi.

Frasi studenti: la top ten

Ci sono degli aspetti della vita universitaria che sono oggetto del maggior numero di commenti. Quali? Gli argomenti più frequenti agli esami, la maggiore o minore severità di insegnanti e professori, il grado di preparazione prima di affrontare un esame, il confronto con il percorso dei propri colleghi e così via.

Ecco perché ci sono delle frasi da studente di ingegneria che sono più comuni rispetto ad altre. Qui di seguito la nostra lista assolutamente da consultare.

1 – Ma chi me lo ha fatto fare di iscrivermi a ingegneria?

Tipica frase da studenti che si pronuncia nei momenti di difficoltà, come quelli in cui bisogna affrontare uno degli esami più difficili del percorso di laurea. Ingegneria ha degli scogli impegnativi che sono gli esami di analisi I e analisi II e quello di fisica generale. Non ha una buona nomea neppure l’esame di scienza delle costruzioni. 

Nel caso, per esempio, dell’esame di analisi si parla della bestia nera del corso di laurea, la cui difficoltà è sicuramente amplificata dal passaparola di studente in studente. Per tranquillizzarti, però, vanno fatte delle precisazioni. Si tratta, infatti, di un esame del primo anno, la cui complessità è intensificata anche dalla nuova modalità di studio prevista per la sua preparazione. Superarlo è possibile, basta un po’ di impegno in più.

2 – Tranquillo, quella parte non la chiede mai

Quante volte hai sentito questa frase da studenti di ingegneria destinata ad amici/colleghi con l’acqua alla gola nella preparazione di un esame? Se non ti sei organizzato bene con i tempi da dedicare allo studio, avrai sicuramente fatto un sondaggio tra colleghi che hanno già sostenuto l’esame nelle sessioni precedenti. Avrai, dunque, ricevuto anche tu una risposta come “Tranquillo, quella parte non la chiede mai”.

Metti da parte le informazioni avute e fai una ricerca on line più approfondita. Di solito chi si sente dire questa frase, finisce per evitare di studiare cose che il professore potrebbe chiedere eccome. Per non pentirti di aver seguito le indicazioni di altri studenti, cerca sempre le domande più frequenti degli esami. Troverai tante informazioni sul web con le statistiche degli argomenti più richiesti. In questo modo potrai concentrarti sugli argomenti giusti. Ti basta digitare “Domande frequenti esame analisi I?” oppure “Domande frequenti esame geometria?” e così via.

3 – Non so niente

Tipica dichiarazione di chi entra, sostiene l’esame e prende 30. Come mai è così frequente? Forse a pronunciarla sono i maniaci della perfezione. Studenti che non si sentono mai preparati, anche quando lo sono. Potrebbe essere il riflesso di una certa insicurezza, che assale soprattutto nel momento in cui bisogna entrare e sedersi davanti al professore. Se hai pronunciato anche tu questa frase da studenti di ingegneria e hai preso 30, dovresti lavorare sulla tua sicurezza in modo da vivere gli esami con minore ansia.

4 – Questa è l’ultima volta che preparo un esame all’ultimo minuto

Frase che viene pronunciata indistintamente sia dopo esami superati bene che dopo esami non superati. L’esperienza dovrebbe insegnare sia nell’uno che nell’altro caso, ma la preparazione all’ultimo minuto è un’abitudine dura a morire.

Eppure oggi ci sono applicazioni per organizzare il tempo, strumenti per facilitare la preparazione come le video lezioni, percorsi universitari on line con cui si evita di recarsi in ateneo, test intermedi di verifica. Insomma, ridursi all’ultimo minuto è davvero un peccato, anche perché impedisce di vivere l’università in maniera serena. Distribuire lo studio in lassi di tempo più ampi e stabilire una routine predefinita ti consente non solo di essere più rilassato, ma anche di apprendere di più e molto più facilmente.

5 – Se mi mette 18, me lo prendo subito

Attenzione a pronunciare questa frase. Il più delle volte non si pensa veramente quanto detto. Se il professore valuta la preparazione pari a 18, finirai probabilmente per rifiutare. Ci sono, però, delle situazioni in cui potresti accettare: sei fuori corso, è l’ultimo esame prima della sospirata tesi oppure è uno degli esami propedeutici del tuo corso di laurea. In quest’ultimo caso, per esempio, non puoi accedere all’anno successivo senza quel determinato esame. Dovrai quindi fare una sorta di compromesso tra la media desiderata e il tempo e accettare quel 18.

Le ultime cinque frasi da studenti

Nelle posizioni dalla 6 alla 10 abbiamo previsto le frasi da studente di ingegneria riguardanti il tempo libero e la propria vita di tutti i giorni. Si ritorna agli esami solo con la frase finale:

6 – Ho bisogno di una pausa

Questa frase non è negativa, perché le pause nello studio sono sacrosante. Non si deve, infatti, studiare per ore di seguito senza interruzioni. La frase, però, diventa decisamente poco positiva se “Ho bisogno di una pausa” la pronunci troppo, troppo spesso.

7 – Da domani inizio a studiare seriamente

Lavori, fai sport, hai molte relazioni sociali? Allora hai detto questa frase da studenti di ingegneria.  Si tratta, infatti, di una di quelle frasi motivazionali, tipiche del procrastinatore seriale che si riduce all’ultimo minuto e poi finirà per pronunciare la frase 4 “Questa è l’ultima volta che preparo un esame all’ultimo minuto”. Organizzare meglio i propri impegni extra universitari è sicuramente il primo passo per cominciare ad abbandonare l’abitudine a rimandare a domani.

8  – Da domani niente Facebook fino all’esame

Social, mail e messaggi sono diventati una fonte di distrazione notevole. Studiare con il cellulare vicino induce a distrarsi di continuo per leggere un messaggio o dare un’occhiata a una foto. Se pronunci questa frase, sai che sei un controllore seriale della bacheche social e sai anche che non rispetterai mai un proposito come eliminare Facebook per tanti giorni. Per aggirare il problema ti basta semplicemente silenziare il cellulare mentre studi e guardare tutte le notifiche quando avrai terminato.

9 – Stasera esco, ma non faccio tardi

Classica frase da bollare come “le ultime parole famose”. Non appena la pronunci sai già che farai tardi, forse persino molto più tardi del solito. In realtà, dichiarazioni come questa scaturiscono dal senso di colpa e dall’idea che lo studio non prevede uscite. La soluzione è uscire più spesso. Vedrai che la maggiore frequenza delle uscite ti consentirà di rientrare prima a casa, perché sarai più soddisfatto della tua vita sociale.

10 – Mi ha chiesto l’unica cosa che non sapevo

Chiudiamo la nostra top ten delle frasi da studente di ingegneria con il classico dei classici che arriva puntuale dopo la bocciatura a un esame. Sai che se l’hai pronunciata, non sei stato molto sincero. Nella maggior parte dei casi si tratta di una frase scarica coscienza, con cui ci si giustifica per un risultato deludente. L’importante è esserne consapevoli e dire “Mi ha chiesto solo l’unica cosa che non sapevo” solo a mo’ di consolazione per poi mettersi a studiare sul serio per l’appello successivo.

Allora, quale di queste frasi hai detto? E quante volte le hai sentite da uno dei tuoi amici o colleghi universitari? Cambieresti l’ordine della nostra top ten mettendo la decima frase al primo posto?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali