informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Lavorare come vigile urbano: studi e opportunità

Commenti disabilitati su Lavorare come vigile urbano: studi e opportunità Studiare a Imperia

Lavorare come vigile urbano ti consente di svolgere una professione a tempo indeterminato, entrando nei corpi di pubblica sicurezza degli enti locali. Per accedere bisogna superare un concorso ed essere in possesso dei seguenti requisiti: avere tra i 18 e i 40 anni, essere in possesso della patente di guida B (potrebbe essere richiesta anche la A), essere cittadino italiano, godere di tutti i diritti civili e politici e conoscere almeno una lingua straniera (l’inglese è quella più importante). Quest’ultimo requisito vale soprattutto per le cittadine con una grande affluenza turistica, in cui il vigile svolge anche la mansione di assistente in strada a cui chiedere informazioni. Ovviamente, per diventare vigile urbano non bisogna aver subito delle condanne penali o essere stato interdetto dai pubblici uffici.

Se vuoi saperne di più sulle mansioni e sulle modalità per prepararsi al concorso, leggi la nostra guida dell’Università Unicusano di Imperia.

Diventare vigile urbano: le mansioni

Ti piacerebbe lavorare come vigile urbano, ma vorresti qualche informazione in più sulle mansioni giornaliere da svolgere? Il primo compito è quello di controllare il traffico, favorire la viabilità evitando ingorghi e intasamenti e far rispettare le norme stradali all’interno del territorio comunale. Al vigile spetta anche il ruolo di controllore della sicurezza stradale. Questo significa, per esempio, che in caso di incidente deve assistere ai rilievi in collaborazione con la polizia stradale o con altri corpi di polizia.

Qui sotto, trovi un elenco dei compiti da assolvere per lavorare come vigile urbano:

    • tutela del consumatore: contrasto delle forme di commercio irregolare (ambulanti abusivi e banchetti non in possesso delle regolari autorizzazioni per la vendita)
    • tutela della qualità urbana e rurale
    • supporto alle attività di controllo svolte da specifici organi di vigilanza e destinate alla verifica della sicurezza e della regolarità del lavoro
  • soccorso in caso di calamità, catastrofi ed altri eventi che necessitano dell’intervento della protezione civile

Non solo, i vigili possono anche essere designati al servizio di controllo davanti alle scuole, alla vigilanza a piedi nei quartieri e nelle aree sensibili e agli interventi di educazione stradale nelle scuole.

La legge, inoltre, prevede un numero minimo di vigili urbani che dipende dal numero di abitanti della città in cui prestano servizio. Per i comuni con più di 20 mila abitanti, per esempio, è previsto un operatore di polizia municipale ogni mille residenti.

Come diventare vigile urbano: le prove da affrontare

Per diventare vigile urbano bisogna accedere al concorso compilando un modulo scaricabile dal sito web ufficiale del corpo dei vigili urbani. Alla domanda si deve allegare il documento di riconoscimento valido, l’attestato di diploma di scuola media superiore e gli altri titoli di studio acquisti e considerati validi al fine del concorso (conoscenza inglese). Il titolo di studio base per accedere, infatti, è il diploma di scuola media superiore, ma se hai titoli di studio più alti puoi ottenere punti in più utili a farti salire in graduatoria.

Una volta inviata la domanda, dovrai aspettare i tempi necessari alla valutazione. Un’apposita commissione verifica cioè le risposte inserite nel modulo e i documenti allegati e stila le graduatorie di ammissione. A quel punto non ti resta che aspettare le date del concorso per lavorare come vigile urbano.

Ecco in cosa consiste la prova selettiva:

    • due sessioni teorico-pratiche: un tema e una prova a quiz
  • una prova orale

Le materie di esame sono abbastanza vaste e includono il Diritto Costituzionale, il Diritto Amministrativo, la Legislazione degli Enti Locali, il Codice della Strada e il Codice di Procedura Penale. Nei precedenti concorsi per diventare vigile urbano sono state proposte tracce del tipo: “Cosa si può contestare a un ubriaco a bordo di un velocipede?” oppure “Quali sono le procedure di contestazione nel caso di accertamento di un autista ubriaco privo di documenti?”.

Punteggio per superare le prove

Per poter passare alla prova orale bisogna totalizzare un punteggio di almeno 21 su 30 domande. Dopodiché, la prova orale si ritiene superata con un punteggio pari a 24 su 30. A questi punteggi vengono sommati quelli spettanti in base ai titoli allegati alla domanda.

Chi supera entrambe le prove viene inserito nelle graduatorie e deve semplicemente attendere la chiamata da parte del Comune.

Il contratto dei vigili è a tempo indeterminato e raramente si firmano contratti a tempo determinato. Nei primi due anni di servizio, si effettua soprattutto lavoro in strada per il controllo del traffico. Mano a mano che si lavora e si accumula esperienza, si ha la possibilità di partecipare ai concorsi interni per salire di grado.

Periodicamente gli enti locali bandiscono dei concorsi per l’assunzione di nuovi vigili urbani. Controlla spesso la gazzetta ufficiale per essere sempre informato e non lasciarti sfuggire l’occasione di partecipare. Ovviamente, dovrai studiare per bene in tutte le materie d’esame elencate sopra.

Se vuoi davvero lavorare come vigile urbano, comincia subito a prepararti per superare il concorso!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali